Post in evidenza

Letture in ebook, economiche e comode,oggi si legge così

tre romanzi di Qam, tutti interessanti, leggere in ebook è facile, è bello, su un tablet ci stanno migliaia di romanzi,letture,un tablet p...

poesie di Qam

24/09/17

siamo in mano a criminali,votate i 5 stelle, che quì si mette male.Così il #PD regala l'Italia ai musulmani: con #iusSoli e #Rosatellum gli islamici entrano in Parlamento.

pure un deficiente capisce che bisogna proibire formazione di partiti religiosi, ci ritroviamo i fratelli musulmani in parlamento,poi tutto questo a una sinistra che ha venduto il nostro cul 

È sempre stato così. Non aderite alle richieste di oboli telefonici. Se li mangiano loro.

carabinieri in tutto,il sesso è entrato nell'arma ma in modo traumatico e ignobile perbacco

L'immagine può contenere: 2 persone, auto e sMS

Eccola qui la "Ripresa" del nostro governo.......! Maledetti assassini d'Italiani....!Dramma della disperazione a Parma: nel pomeriggio di ieri, giovedì 21 settembre, un 65enne, senza lavoro, si è tolto la vita impiccandosi della sua abitazione. La luce nella sua abitazione era staccata da giorni


L'immagine può contenere: una o più persone e sMS

Eccola qui la "Ripresa" del nostro governo.......! 😡
Maledetti assassini d'Italiani....! 😡
Articolo: 
Dramma della disperazione a Parma: nel pomeriggio di ieri, giovedì 21 settembre, un 65enne, senza lavoro, si è tolto la vita impiccandosi della sua abitazione. La luce nella sua abitazione era staccata da giorni e i tecnici stavano per staccare anche le altre utenze. Lo sfratto, nel frattempo, era diventato esecutivo.
La scoperta del cadavere è stata fatta dalla madre anziana, che si era recata nella sua abitazione insieme ad un tecnico dell'Iren. Un dramma nel dramma per la donna con la quale il 65enne conviveva fino a poco tempo fa. La madre è entrata ed ha visto la scena: il figlio aveva deciso di legarsi una fune al collo e di fissarla ad un tubo del gas. Per lui non c'è stato nulla da fare.
Sul posto sono arrivati i poliziotti, il medico legale e la Polizia Scientifica che hanno escluso altre piste. Il 65enne, oltre alla madre, lascia anche una figlia.

23/09/17

però c'è ancora gente onesta in italia

L'immagine può contenere: una o più persone, folla e sMS

Test Medicina, inchiesta a Napoli: indagati impiegata e il marito

Photo published for Test Medicina, inchiesta a Napoli: indagati impiegata e il marito

Dopo un’intercettazione, perquisizioni il giorno della prova per la Federico II Ipotesi di corruzione, coinvolti anche due esponenti delle forze dell’ordine

È INIZIATO tutto con un’intercettazione telefonica. Ascoltando i dialoghi, gli investigatori hanno maturato il sospetto che fosse in corso un tentativo di “vendere” i risultati dei test per l’accesso alla facoltà di Medicina da parte di un ex impiegato dell’Università Federico II, sposato con una dipendente dell’Ateneo che avrebbe dovuto svolgere compiti di vigilanza in occasione della selezione.

A beneficiare delle soluzioni, sarebbero stati i figli di due esponenti delle forze dell’ordine. Così, su disposizione del pm Ida Frongillo, la mattina del 5 settembre, giorno della prova sostenuta a Monte Sant’Angelo da oltre 4 mila studenti, sono scattate le perquisizioni.

Gli inquirenti hanno contattato i responsabili di aula e hanno portato a termine il mandato con tutte le cautele del caso, in modo da non turbare i candidati né il regolare svolgimento del test. Sotto inchiesta, con l’accusa di corruzione, ci sono ora l’assistente bibliotecaria Tiziana Bellardini, molto stimata da colleghi e utenti dell’Università federiciana, che il 5 settembre faceva parte della squadra di circa trecento impiegati con compiti di vigilanza, il marito Ciro Palumbo, ex dipendente dell’Università, e due appartenenti alle forze dell’ordine.

Ma si tratta di un’ipotesi iniziale, sulla quale la pm Frongillo, del pool coordinato dal procuratore aggiunto Alfonso D’Avino, ha disposto approfondimenti. Solo all’esito di tutte le verifiche la Procura potrà ipotizzare eventuali illeciti e delineare le presunte responsabilità dei singoli.

Le perquisizioni hanno dato esito negativo. Su richiesta del pm, saranno esaminate le memorie di computer e cellulari degli indagati. Ed è stata anche disposta una consulenza sulle intercettazioni. La difesa di Palumbo confida di riuscire a dimostrare, proprio dall’analisi della telefonata, l’infondatezza della ipotesi di corruzione. Assistita dall’avvocato Alfonso Furgiuele, la dottoressa Bellardini si prepara a dimostrare la sua assoluta estraneità a qualsivoglia ipotesi di reato. Anche la difesa degli altri due indagati è fiduciosa in una rapida conclusione dell’indagine. L’obiettivo dei magistrati è ricostruire con esattezza l’accaduto. Con questo intento, la mattina del 5, sono stati controllati anche alcuni candi- dati. In un caso è stato rinvenuto un algoritmo sul quale sono in corso accertamenti per verificare la sua eventuale compatibilità con la risoluzione dei quiz. La prova, uguale su tutto il territorio nazionale, era articolata in 60 quesiti a risposta multipla su temi di cultura generale e ragionamento logico, biologia, chimica, fisica e matematica.

I candidati avevano a disposizione 100 minuti per rispondere alle domande individuando, fra le risposte suggerite, quella esatta. I quiz sono stati comunicati alle singole università dove si svolgevano le prove solo poche ore prima dell’inizio del test. La graduatoria nazionale sarà pubblicata agli inizi di ottobre anche se ogni candidato è già a conoscenza del punteggio conseguito. In base alle segnalazioni inviate dagli studenti su uno sportello
 virtuale, il network legale Consulcesi (che si occupa di tutela dei medici e degli aspiranti camici bianchi) parla di presunte irregolarità durante i test come problemi relativi alla scheda anagrafica, mancato rispetto delle tempistiche, controlli inadeguati o uso di cellulari. Gli atenei messi sotto accusa dagli studenti che si sono rivolti al portale sono La Sapienza di Roma (21 per cento dei casi), la Federico II (13 per cento) seguite da Catania, Palermo e dalla Statale di Milano.

paghi il canone che ti estorcono per vedere servizi di qualità, eccone uno, ucciso da vivo, si perchè tutti gli altri sono uccisi da morti

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

la legge è diseguale,corruttibile,lenta e dannosa e così non va, i giudici che li paghiamo a fare?Torino, sedici anni per un processo: così abusi su una minorenne sono prescritti.

Torino, sedici anni per un processo: così abusi su una minorenne sono prescritti. Corte d’appello: “Alcune anomalie”

Torino, sedici anni per un processo: così abusi su una minorenne sono prescritti. Corte d’appello: “Alcune anomalie”
GIUSTIZIA & IMPUNITÀ
L'educatrice di una comunità di recupero per minori era stata condannata per aver costretto la giovane ad avere rapporti col marito, morto suicida, e con l’amante, anche lui condannato. La donna avrebbe dovuto aiutarla a superare le violenze subite dal padre. Il magistrato Soprano: "C'è stato un processo di primo grado con tempistiche da lumaca"

io manco un cent do alla chiesa, alle religioni, tutt mangia soldi,Vescovo aiutava il "povero" don Euro: sequestrati 850.000 € al prete che non restituiva i soldi dei fedeli

Vescovo aiutava il "povero" don Euro: sequestrati 850.000 €. Con l'8 x 1000 avete fatto tanto
laici.forumcommunity.net
Prete e vescovo indagati: tentata truffa e impiego indebito di denaro 22 settembre 2017 14:36

Avrebbe utilizzato le offerte dei fedeli per scopi personali dopo che un escort aveva raccontato di avere avuto una relazione con lui. Dal febbraio del 2016 don Luca Morini della parrocchia di Caniparola in Lunigiana è partita l'indagine della Procura di Massa Carrara. A termine delle indagini gli indagati sono due: il parroco e il vescovo della diocesi di Massa Carrara e Pontremoli, monsignor Giovanni Santucci. Quest'ultimo avrebbe impiegato indebitamente mille euro presi dalla fondazione Pie Legati per consegnarli a don Morini senza spiegazioni. Inoltre avrebbe fatto pressione sulla Cattolica Assicurazione per dare maggiori vantaggi economici al prete con l'aumento del punteggio di invalidità. Il reato contestato per quest'ultimo capo di accusa è di tentata truffa. Il sequestro convalidato a luglio 2017 pone il sequestro di 700mila euro e 150mila in pietre preziose al parroco.


www.dagospia.com/rubrica-29/cronach...oldi-148609.htm
26 MAG 2017 16:39
‘DON EURO’, CHIUSE LE INDAGINI SUL PRETE CHE SPENDEVA I SOLDI DELLE ELEMOSINE IN ESCORT E COCAINA - BECCATO DALLE ‘IENE’ DOPO LA SEGNALAZIONE DI UN SUO PROSTITUTO, ORA DON LUCA MORINI RISCHIA IL PROCESSO PER AVER SPERPERATO IL DENARO DELLE OFFERTE IN RISTORANTI, ALBERGHI E FESTINI HARD

mai capirò e giustificherò chi usa la violenza per fare sesso, il sesso è il compimento di un amore, è l'apice dell'amore, così diventa solo una schifezza, un uomo che fa questo non è uomo,non è animale, è un corpo estraneo alla società

mai capirò e giustificherò chi usa la violenza per fare sesso, il sesso è il compimento di un amore, è l'apice dell'amore, così diventa solo una schifezza, un uomo che fa questo non è uomo,non è animale, è un corpo estraneo alla società
Una turista canadese ha denunciato una violenza sessuale subita domenica sera a Milano da un uomo che si è spacciato come dipendente di una ditta di…
ILFATTOQUOTIDIANO.IT

Primarie, esito ovvio? Gli attivisti: “Voto inutile”, “Conta il programma”



Quando mancano poche ore all’incoronazione di Luigi Di Maio candidato premier del Movimento, i parlamentari girano per gli stand di Italia 5 stelle con una birra e una piadina in mano. Sarà l’umidità del settembre di Rimini o il clima da fine primo mandato in Parlamento, sarà la nuova impostazione “milanese” di tutta la manifestazione, ma si guardano intorno un po’ persi. “Quello che sta per succedere è un cambiamento epocale per il Movimento 5 stelle”
 di Martina Castigliani

637 persone a cui il ministero della Sanità ha riconosciuto il danno da vaccino

Vaccini oltre le propagande: l’immunologo Mantovani e le storie dei danneggiati su Fq MillenniuM in edicola

Vaccini oltre le propagande: l’immunologo Mantovani e le storie dei danneggiati su Fq MillenniuM in edicola

Sui vaccini una sola inchiesta non basta. Il numero di Fq Millenniumil mensile diretto da Peter Gomez, attualmente in edicola a 3,90 euro (il prossimo numero uscirà il 7 ottobre) dedica al tema più che “divisivo” non solo la copertina, ma una serie di inchieste, reportage, interviste, approfondimenti, con l’obiettivo di raccontare i tanti aspetti della questione senza scadere nelle opposte propagande “free” o “pro”.
Così, oltre all’inchiesta che mostra come in Europa 20 Paesi su 31 non ricorrano ad alcun obbligo, pur ottenendo buone coperture come Germania e Regno UnitoFq MillenniuM dedica sei pagine all’immunologo Alberto Mantovani, lo scienziato italiano più citato al mondo e inflessibile pro vax. Il quale spiega che i vaccini hanno sì i loro effetti collaterali, ma le malattie che combattono possono uccidere. Come è accaduto nei mesi scorsi a due bimbi, a Monza e Roma, indeboliti da gravi patologie (guaribili) e morti di morbillo, come racconta un altro articolo proposto dal mensile. Poi ci sono altre storie. Quelle, per esempio, delle 637 persone a cui il ministero della Sanità ha riconosciuto il danno da vaccino, con relativo indennizzo.
La cosa interessante è che neppure i danneggiati intervistati dal mensile mettono in dubbio la necessità di questa forma di prevenzione, così come i medici recentemente radiati dall’ordine (e in attesa di motivazioni scritte). La richiesta, se mai, è di aumentare test e controlli preventivi su farmaci e pazienti. Il tema controverso è invece quello dell’obbligo all’assunzione di dieci vaccini per l’ammissione alle scuole dell’infanzia, introdotto dal decreto Lorenzin per l’anno appena iniziato. Ed è qui che la guerra delle due propagande, con la rappresentazione di una battaglia fra Scienza e Oscurantismo, ha impedito un vero confronto sul tema, in Parlamento e fuori.
Con l’aggravante di un ministro della salute, Beatrice Lorenzin appunto, che va in tv a raccontare bufale che rivaleggiano e forse superano quelle propalate da parte del fronte free vax. Come quando andò a dire a Porta a porta, e in altre trasmissioni, che in Inghilterra nel 2013 erano morti di morbillo “270 bimbi”. Una strage per fortuna mai avvenuta (i morti quell’anno furono zero in quel Paese e tre in tutta Europa). Sul fronte opposto, Fq MilenniuMsmonta un’altra bufala, la connessione fra antimorbillo e autismo, derivata da uno studio poi ritrattato da Lancet, realizzato da un medico inglese non solo radiato dall’Ordine, ma preso con le mani nella marmellata di un gigantesco conflitto d’interessi (era economicamente interessato al lancio di un siero alternativo).
E qui sorge un altra questione. La Scienza è altrettanto credibile quando si fa nei resort di lusso a spese delle case farmaceutiche? Fq MillenniuM racconta anche i troppi scandali di tangenti e altro che hanno coinvolto in tutto il mondo Big Pharma, compresa una delle “quattro sorelle” dei vaccini, GlaxoSmithKLine. Sono botte alla credibilità dei camici bianchi, che andrebbero combattute con una maggiore pulizia interna, più che con invocazioni a Karl Popper. Il primo obbligo, insomma, è informarsi.

istruggere la sovranità e mettere gli spagnoli gli uni contro gli altri in un potenziale scenario di guerra civile




22/09/17

La giornalista femminista Zanardo: “Nascondiamo i crimini dei migranti, gli italiani non devono sapere”Nel suo blog sul sito del Fatto quotidiano la Zanardo, giornalista femminista, accusa i suoi di coprire i crimini degli immigrati:



La giornalista femminista Zanardo, l’unica vera femminista non ipocrita che abbiamo in Italia, ha il coraggio di denunciare la nuova follia dei giornali “politicamente corretti”, soprattutto di sinistra, che nascondono o cercano di mettere in secondo piano i crimini degli immigrati, censurando nei titoloni la nazionalità di stupratori e criminali, e spesso, come testimoniato dalla Zanardo , ci sono pressioni su cronisti e giornalisti per non pubblicare le notizie. “Da più parti mi viene consigliato di non diffondere questa notizia”.

Nel suo blog sul sito del Fatto quotidiano la Zanardo, giornalista femminista, accusa i suoi di coprire i crimini degli immigrati: “Una donna è stata violentata e picchiata brutalmente in Puglia qualche giorno fa. La donna versa in gravi condizioni in ospedale. Da più parti mi viene consigliato di non diffondere questa notizia: perché? Contrariamente a quanto accade solitamente, quando cioè le notizie che riguardano stalking e violenze vengono commentate e diffuse sui social network da molte donne e anche uomini, in questo caso la notizia è stata riportata solo da qualche quotidiano e diffusa pochissimo. […] La reticenza di molti gruppi femministi e giornalisti è dovuta al fatto che la violenza sia stata commessa da un ragazzo rifugiato di un centro Cara. Questa e solo questa la ragione dell’occultamento del fatto”.
Ora capite perché i giornali e i media non parlano dei crimini degli immigrati, e perché accusano chi ne parla di ‘fake news’.
La Zanardo cita un incontro avvenuto qualche anno fa a Milano, in cui si parlava dell’omicidio di una donna a Roma da parte di un rumeno. “Con mio grandissimo stupore e rabbia – ricorda – tutta la riunione fu spesa, ed eravamo solo donne, a valutare se fosse meglio diffondere o no la notizia perché trattavasi di cittadino dell’est europa e non si voleva incentivare il razzismo. Solo poche parole furono pronunciate a memoria della vittima”.
“Già ebbi modo di esprimerlo a inizio 2016 in occasione delle violenze a Colonia che vennero archiviate con l’esilarante raccomandazione per difendere le donne dalla violenza, espressa della sindaca della città tedesca: ‘Se i ragazzi nordafricani o mediorientali si avvicinano a voi, state loro a distanza eine ArmeLange, cioè teneteli a distanza di un braccio. Il voler ‘proteggere’ i migranti responsabili di reati odiosi, così come il ritenere che diffondendo le notizie negative che li riguardano, esattamente così come faremmo per i crimini commessi dai cittadini italiani, ritenendo che così facendo si possa fomentare il razzismo, stanno alla base dell’attuale pensiero di una certa sinistra italiana: elitaria e profondamente discriminante”

Quando chi governa non ruba, succede questo!!!

NEL SILENZIO DEI MEDIA, MATTARELLA SISTEMA IL NIPOTE SU UNA POLTRONA RICCA DI SOLDI E POTERE!

aura boldrini‏Account verificato @lauraboldrini 21 set Altro Mi chiedo ancora dov'era la famiglia progressista quando la #Grecia si è trovata a dover fronteggiare pesanti misure di austerità .Vladimiro Giacché‏ @Comunardo Segui Altro In risposta a @lauraboldrini A infliggerle.

Bonino,purtroppo anche lei femminista rivoluzionaria, ha avuto una storia di emancipazione femminile dall'aborto,al divorzio ecc, oggi è rimbambita

purtroppo anche lei femminista rivoluzionaria, ha avuto una storia di emancipazione femminile dall'aborto,al divorzio ecc, oggi è rimbambita che devo dire, Pannella non lo sopportavo,un commediante nato,lei la credevo più pratica ,invece pure lei è casta, che dispiaccia di gente che crepa in mare, dispiace a tutti,nessuno li vuole morti e maltrattati, io mai oserei avere un pensiero del genere, manco un'animale voglio maltrattato,manco una pianta figurarsi un uomo, però sempre questa solfa a piazza sporca o  semi pulita è roba da vomito, ci si fa passare noi per razzisti e pure assassini e ci si dimentica che non siamo l'unico paese che deve aiutarli, che oramai con 6 milioni di stranieri in pianta stabile, è sufficiente come stiamo vedendo a una guerra e a svegliare il razzismo.
Il discorso lì è da fare ALL'ONU, che cacchio paghiamo a fare noi L'ONU, per distribuire poltrone e soldi?La nato che ci sta a fare pure lei a mangiare soldi, cioè lì c'è un paese allo sbando, che Bush e Obama hanno voluto democratizzare e adesso noi ci pigliamo che cosa i migranti.
L'unica è  fare centri di accoglienza in libia gestiti magari dalla croce rossa, medici senza frontiere, spiegare loro che qui non c'è posto, trattarli civilmente e rispedirli a casa, poi , anzi adesso si faccia un piano di aiuto all'Africa e dico Africa, non dittatori Africani o capi islamici del cacchio, aiuto alla gente, altrimenti si fa come in Afganistan che  dando i soldi ai capi locali la guerra è infinita, se aiuti invece la gente la guerra finisce in un nano secondo,ma veramente gli stati uniti vogliono finire le guerre, poi le armi a chi le vendono?
La Bonino e la Boldrini sono il vecchio, una sinistra diventata zavorra,loro si sono erte a paladine,ma nella realtà mai hanno provato fame, botte e mai sono state sottomesse seviziate ecc, l'immigrazione di genti islamiche gli italiani non ne vogliono più sapere, perchè facile parlare in un studio televisivo,ma poi quando li hai come vicini, parenti  ecc, è un problema nostro e noi che li subiamo, e noi che veniamo maltrattate, seviziate, picchiate, derise e chiamate puttane, no grazie di islamici non ne voglio più, quelli che ci sono restano ,ma lo stato si deve fare carico di educarli,tolga nelle scuole l'ora di religione e metta l'ora di educazione civica con la lettura e la comprensione della costituzione e faccia firmare all'immigrato che rispetterà leggi,donne ,disabili, gay, animali ecc, se non lo farà lo si rimanderà immediatamente al suo paese e se italiano in galera.


M5s, Carofiglio (Pd): “E’ un’agenzia del rancore.Tu invece un lecchino per fame di soldi , senza partito non vendi libri e lo sappiamo tutti

Tu invece un lecchino per  fame di soldi , senza partito non vendi libri e lo sappiamo tutti,oggi chi vale va all'estero non perchè ami l'avventura o no gli piace il suo paese,ma perchè magari vale e siccome se vali quì devi leccare e si sa che prima vengono i parenti dei boss dei partiti e poi man mano che si avanza qualche cosa anche per gli altri,così se vali vai all'estero,siamo ridotti così, cresciamo ragazzi, spendiamo soldi per prepararli e poi il meglio va all'estero,il peggio resta quì,infatti i risultati sono la catastrofe, e dunque il Carofiglio per vendere deve dare il suo cul, come chi fa cinema deve darlo sto cul, pure chi fa musica, cioè tutto il mercato è in mano a gentaglia che è sempre potere di partito,insomma io la dico chiara,mla mafia ci governa da sempre e che sia sinistra o destra o lega, ,mafia è, certo che con il m5s, la cosa cambia, devi valere per emergere, e a me il m5s piace perchè appunto è così che voglio l'italia


dai diamanti nascono poltrone dai fiori solo profumo,ma il culo ha bisogno di poltrone,dunque

L'immagine può contenere: sMS

sia chiaro non solo la lega,ma tutti i partiti fanno la stessa cosa rubano al contribuente, ossia a me , a te, a noi. AscoPiave, il forziere della Lega in Veneto. La faida per le poltrone nel Giglio Magico Verde, tra figli e dirigenti senza laurea

AscoPiave, il forziere della Lega in Veneto. La faida per le poltrone nel Giglio Magico Verde, tra figli e dirigenti senza laurea

sia chiaro non solo la lega,ma tutti i partiti fanno la stessa cosa rubano al contribuente, ossia a me , a te, a noi.E' cosa risaputa, è cosa che sappiamo,potenti locali che muovono tutto, se vuoi il lavoro e da loro devi andare, se vuoi un posto in ospedale di riguardo, veloce, cure mirate e da loro devi andare, infatti i nostri giovani quelli che valgono se ne vanno all'estero,perchè il lavoro deve essere secondo competenze e merito non raccomandato e allora che differenza c'è fra il triveneto e la sicilia, nessuna , solo che al sud la chiamano mafia al nord non la chiamano ma lo è di fatto, abbiamo solo una politica pulita in italia ed è il m5s, oddio pure lì qualche mela marcia c'è,però quando è scoperta viene messa fuori,cosa che nei partiti non ci pensano proprio


AscoPiave, il forziere della Lega in Veneto. La faida per le poltrone nel Giglio Magico Verde, tra figli e dirigenti senza laurea


POLITICA
Non solo conti, polizze e diamanti. Tra le ricchezze non messe a bilancio dal Carroccio ci sono stipendi, compensi e gettoni d'oro nelle società pubbliche. Emblematico il caso del colosso dell'energia del Triveneto usato da anni come bancomat e poltronificio per i notabili locali del partito. Dove anche un ex assessore alla caccia con la terza media può finire sulla sedia di presidente di una controllata da 17 milioni di fatturato: i suoi 100mila euro di compenso li pagano in bolletta i trevigiani. La cuccagna del gas rischia però di finire per scontri di potere interni al partito. E finisce in Procura e alla Consob